Intesa Sanpaolo punta su Zes e Zls, 5 miliardi per rilancio

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – NAPOLI, 08 NOV – Cinque miliardi di euro per rilanciare l’economia marittima italiana, finanziando lo sviluppo e le imprese che investono nelle Zes del Mezzogiorno e nelle Zls del Nord. Questa l’iniziativa che Intesa Sanpaolo presenta oggi a Napoli, impegnandosi per la valorizzazione delle Zone Economiche Speciali (ZES) istituite nel Mezzogiorno e delle Zone Logistiche Semplificate (ZLS) in fase di realizzazione nel Centro Nord. La Banca ha annunciato un plafond di 5 miliardi di euro dedicato agli insediamenti produttivi e alle opere di adeguamento infrastrutturale, un roadshow internazionale per attrarre capitali dall’estero e un programma di attività di reshoring. Inoltre, per le imprese che investiranno all’interno di ZES e ZLS è prevista una linea di finanziamento ad hoc che riconosce un’agevolazione sul tasso d’interesse. Queste aree, sottolineano i vertici di Intesa Sanpaolo, sono potenzialmente strategiche per la crescita dell’economia marittima e hanno l’obiettivo di creare una sinergia tra il sistema logistico-portuale e l’industria manifatturiera per favorire, attraverso incentivi fiscali e amministrativi, nuovi investimenti. Con l’apertura del plafond la banca prosegue un percorso di investimenti già avviati negli anni scorsi. L’Istituto partecipa infatti attivamente alla promozione delle ZES meridionali dal 2017: dopo aver predisposto infatti un primo plafond di 1,5 miliardi di euro, sono state organizzate specifiche missioni all’estero, come quelle di Pechino e Dubai, per coinvolgere investitori internazionali. E’ stato anche creato un desk specializzato per gli imprenditori che offre supporto ottimizzando i business plan presentati. Inoltre, Intesa Sanpaolo ha siglato accordi di collaborazione con le Autorità di Sistema Portuale (Puglia, Trieste e Venezia) e con i Commissari Straordinari delle ZES (Campania, Sicilia, Abruzzo) (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source