Istat, +3,2% il reddito delle famiglie ad inizio 2023

Pubblicità
Pubblicità

Cresce del 3,2% il reddito delle famiglie consumatrici nel primo trimestre dell’anno, che registra anche un aumento dello 0,6% della spesa per consumi finali. Se si considera una sostanziale stabilità dei prezzi il potere d’acquisto delle famiglie è cresciuto del 3,1%. Sono i principali dati diffusi dall’Istat sulle famiglie consumatrici per le quali, nello stesso periodo, la propensione al risparmio è stata pari al 7,6%, in aumento di 2,3 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. 

A commento dei dati l’Istat segnala che “il potere d’acquisto delle famiglie è aumentato del 3,1% rispetto al trimestre precedente, grazie al sensibile rallentamento della dinamica dei prezzi. La propensione al risparmio delle famiglie, pur continuando il suo calo in termini tendenziali, ha segnato il primo aumento in termini congiunturali dopo diversi trimestri di diminuzione, attestandosi al 7,6%”.

Un peggioramento del deficit nei primi tre mesi dell’anno e un deciso calo della pressione fiscale nel primo trimestre dell’anno. L’indebitamento netto si attesta al -12,1% contro il -11,3% dei primi tre mesi 2022, mentre la pressione fiscale viene calcolata al 37%, con una riduzione di 0,9 punti percentuali rispetto al gennaio-marzo 2022. E’ quanto emerge dai dati Istat.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source