Lavoro: protocollo Enel-Inail per prevenzione infortuni

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 15 NOV – La promozione della cultura della prevenzione nella filiera dell’energia al centro di un protocollo d’intesa di durata triennale firmato da Enel Italia e Inail. Un impegno tanto più rilevante nella fase di rilancio economico trainata dal Pnrr: la mole di opere da realizzare nel segno della transizione energetica richiede un maggiore sforzo per migliorare i livelli di salute e sicurezza.
    L’accordo sottoscritto oggi dal direttore generale Inail, Andrea Tardiola, il direttore Italia di Enel, Nicola Lanzetta, e dalle segreterie nazionali delle organizzazioni sindacali Filctem-Cgil, Flaei-Cisl e Uiltec-Uil, avvia una collaborazione per la realizzazione di iniziative che puntano alla prevenzione di infortuni e malattie professionali.
    “Per Enel la corretta attuazione del Pnrr e di conseguenza la crescita del Paese passano anche attraverso l’implementazione strategica di politiche che riducano i rischi di infortunio dei lavoratori, innovando i processi e valorizzando tutti gli attori della filiera” afferma il direttore Italia di Enel, Nicola Lanzetta.
    Il protocollo prevede iniziative di comunicazione e promozione della cultura della prevenzione, progettazione di programmi di formazione del personale, analisi dei modelli di prevenzione e gestione del rischio e dei fattori di rischio correlati al mutato contesto socio-lavorativo post pandemico e sperimentazione di soluzioni ad alto tasso di innovazione per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza.
    Per il direttore generale di Inail, Andrea Tardiola, il protocollo con Enel, “oltre a riaffermare la centralità della salute e la sicurezza sul lavoro anche in questa fase di ripresa economica, è la premessa per percorrere l’ultimo miglio nel trasferimento tecnologico delle soluzioni sviluppate dalla ricerca, facendo dei cantieri del Pnrr un grande laboratorio europeo dell’innovazione in cui sperimentare dispositivi e modelli organizzativi all’avanguardia, di cui potranno beneficiare anche le tantissime medie, piccole e micro imprese che compongono il nostro sistema produttivo”.
    In linea con lo “Statuto della Persona”, firmato da Enel con i sindacati lo scorso 29 marzo, le azioni vedranno la partecipazione delle organizzazioni dei lavoratori. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source