Legacoop-Prometeia, Pil +4% 2022, oltre +2% nel 2023

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 10 FEB – Dopo il forte rimbalzo messo a segno nel 2021, l’economia italiana proseguirà su un sentiero di crescita pur con ritmi meno elevati: il pil è atteso in aumento vicino al 4% nel 2022 e oltre il 2% nel 2023. E’ quanto emerge dal rapporto annuale 2021 sulle prospettive dell’economia , realizzato dall’Area Studi Legacoop e Prometeia mentre il presidente di Legacoop Mauro Lusetti lancia l’allarme per il caro bollette. “Temiamo che quel che non è riuscita a fare la pandemia, finisca per accadere proprio ora che ci si attendeva un rilancio del Paese, che vediamo già ridimensionato negli scenari”. “Per questo dobbiamo ribadire con forza la nostra preoccupazione, e la richiesta di adeguate, rapide e incisive politiche per alleviare l’impatto del caro-energia”, dice Lusetti.
    Sulle tendenze economiche, secondo il rapporto, incidono a breve termine, un’inflazione più elevata delle attese (a gennaio +4,8% su base annua, il tasso più elevato da 26 anni), trainata essenzialmente dai rincari dell’energia e delle materie prime, che aumenta le pressioni sulle banche centrali, spingendo le politiche monetarie a muoversi in anticipo rispetto alle attese di qualche mese fa, e alimenta il rischio che l’erosione del potere di acquisto delle famiglie rallenti la ripresa, anche se in prospettiva non sono da attendersi nuove fiammate, con un tasso di inflazione che dovrebbe collocarsi nell’intorno del 3.5% nel 2022, ma scendere decisamente verso l’1% nel 2023.
    (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source