Michele Colaninno resta alla guida dei costruttori Ue di moto

Pubblicità
Pubblicità

L’amministratore delegato di Piaggio Michele Colaninno è stato confermato presidente di Acem, l’Associazione europea dell’industria motociclistica con sede a Bruxelles, di cui fanno parte tutti i gruppi mondiali di moto e scooter.
    “Il mercato e i contesti urbani stanno mutando rapidamente – afferma l’industriale mantovano – e la mobilità sta evolvendo”.
    Un fenomeno che a suo dire costituisce “una sfida per il settore, ma anche un’opportunità che non vogliamo perdere”.
    “Sostenibilità, connettività, sicurezza e competitività – sottolinea Colaninno – sono i punti principali della nostra agenda e del Manifesto Acem”. “La geopolitica – aggiunge – renderà il 2024 cruciale in termini di stabilità politica e commerciale: le elezioni in Europa, negli Stati Uniti e in India segneranno il percorso dei prossimi decenni”. ” In questo scenario – spiega – i trasporti e la mobilità sono un fattore determinante per lo sviluppo e la qualità della vita”, dal momento che “scooter e moto offrono soluzioni diverse per far fronte alle nuove esigenze della società nelle aree urbane e rurali”. “Come Acem – conclude – continueremo il nostro dialogo con le istituzioni europee, nazionali e locali nell’interesse dei clienti e dei cittadini”.
    Nel suo secondo mandato al vertice di Acem Michele Colaninno è affiancato dai vicepresidenti Stefan Pierer, amministratore delegato di Ktm, Markus Flasch, amministratore delegato di Bmw Motorrad, e Vito Cicchetti, presidente di divisione di Honda Motor Europe.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source