Moda: Confindustria; 2021 sopra attese, +22% vendite

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 28 FEB – Per il settore della moda il 2021 è – secondo il preconsuntivo di Confindustria Moda – migliore delle attese, con un +22.2% rispetto al 2020 che riporta il fatturato di tessile, moda e accessorio a 91,7 miliardi di euro.
    Il gap sul 2019 è ancora di un -6.4%, quando le vendite avevano superato i 98 miliardi.
    Positivo anche il primo trimestre del 2022, che registra un +14% verso lo stesso periodo del 2021. Nel periodo, inoltre, il ricorso alla cassa integrazione scende al 25% delle aziende, mostrando quindi un calo ulteriore rispetto al quarto trimestre 2021 dove aveva interessato il 42%.
    Al contempo torna a crescere la quota di aziende che ipotizzano una crescita del proprio organico nel corso del 2022. Se le aziende che stimano un organico invariato sono il 62%, è presente un 23% di aziende del settore che punta a nuove assunzioni durante l’anno. Non manca tuttavia una quota di aziende che registra forti difficoltà, con un 18% che ipotizza riduzioni del personale.
    A gravare su tutto il settore è il forte aumento dei costi di materie prime ed energia. Per 8 aziende su 10, infatti, l’aumento dei costi delle materie prime rischia di essere una minaccia concreta alla ripresa. Allo stesso modo, 7 aziende su 10 evidenziano che il balzo del prezzo dell’energia avrà ricadute molto pesanti sulla ripartenza.
    “Siamo in una fase di ripartenza molto delicata. Le nostre imprese si avvicinano ai livelli del 2019 e tornano a creare posti di lavoro nel Paese, ma il balzo dei costi di materie prime ed energia rischia di essere grave minaccia specialmente per le aziende più energivore a monte della filiera”, sottolinea il presidente Cirillo Marcolin. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source