Mottarone: tre le ipotesi per ricostruire la funivia

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – STRESA, 20 LUG – Dopo l’incidente alla funivia del Mottarone, in cui sono morte 14 persone, il lago Maggiore prova a rialzarsi. Sono tre i progetti che i sindaci di Stresa e Baveno, Marcella Severino e Alessandro Monti, hanno discusso oggi col ministro delle Infrastrutture, Enrico Giovannini. Il primo, del valore di 30 milioni di euro, è la sostituzione dell’attuale funivia con tecnologie più moderne. Si aggira sugli 80 milioni l’ipotesi di realizzare un primo tratto di funivia, tra Stresa e Alpino, e poi una ferrovia per salire in vetta. La terza soluzione prevede una funivia con nuovo tratto verso Omegna, per collegare i laghi Maggiore e d’Orta.
    Le tre ipotesi per ricostruire la funivia del Mottarone saranno illustrate venerdì in conferenza stampa.
    Quello con il ministro Giovannini, dicono i sindaci Severino e Monti, è stato “un incontro proficuo. Abbiamo tracciato il percorso propedeutico al rilancio dei Comuni di Stresa, Baveno, del Mottarone e del territorio. I progetti che abbiamo illustrato sono stati discussi e condivisi dal ministro, che come noi ritiene sia fondamentale intervenire con tempestività dopo il tragico evento del 23 maggio. Inizia ora una fase di interlocuzione con la Regione e i parlamentari del territorio che già si sono resi disponibili a fare squadra”. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source