Nestlé, al 2022 via deforestazione da molte materie prime

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 10 AGO – Nestlé eliminerà completamente entro il 2022 la deforestazione nella sua catena di approvvigionamento di olio di palma, zucchero, soia, carne, così come cellulosa e carta. L’azienda prevede di raggiungere lo stesso risultato entro il 2025 nella sua filiera di caffè e cacao. A dicembre 2020 era stato reso noto che il 90% di olio di palma, zucchero, soia, carne, cellulosa e carta era a “zero deforestazione”. Lo rende noto la Nestlé con un comunicato.
    La multinazionale svizzera nell’ultimo decennio si è impegnato per azzerare la deforestazione legata alla produzione delle principali materie prime utilizzate. Per raggiungere questo risultato, Nestlé ha utilizzato strumenti come la mappatura della sua filiera, procedure di certificazione, verifiche in loco e servizi di monitoraggio satellitare come Starling o Global Forest Watch. Inoltre, l’azienda ha anche collaborato con agricoltori, comunità agricole e fornitori locali.
    “Per soddisfare il fabbisogno alimentare mondiale del 2050, la produzione agricola dovrà crescere di circa il 50% rispetto ai livelli del 2013” – ha dichiarato Magdi Batato, Executive Vice President, Head of Operations di Nestlé – “Per poter affrontare questa sfida è più importante che mai proteggere gli ecosistemi naturali e ripristinare le foreste per il nostro futuro”, aggiungendo anche che questa strategia “positiva” sia fondamentale per rigenerare le risorse idriche del nostro pianeta, proteggere la salute del suolo e lo stoccaggio del carbonio. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source