Petrolio: crollo prezzi manda in rosso i conti di Exxon e Chevron

Economia

Se le big hi-tech festeggiano trimestrali in crescita, nonostante il coronavirus, lo stesso non si può per le grandi società petrolifere. Che, nel periodo tra aprile e giugno, hanno sentito il peso della flessione congiunta dei prezzi e della domanda dil greggio, causate dalla pandemia di Covid-19.

Quest’anno i prezzi del greggio sono crollati di oltre il 25% e ad un certo punto sono persino scesi brevemente in territorio negativo, per poi rimbalzare fino ai $ 40 al barile, valore intorno al quale si muovono nelle ultime sedute.

Ma veniamo ai conti. Exxon Mobil ha registrato la seconda perdita trimestrale consecutiva, con la controllata per la produzione di petrolio e gas.

La major petrolifera statunitense ha registrato una perdita di 1,08 miliardi di dollari, ovvero 26 centesimi per azione, nei tre mesi chiusi al 30 giugno, rispetto a un utile pari a 3,13 miliardi di dollari, ovvero 73 centesimi per azione, dell’anno scorso.

La produzione di petrolio equivalente della major è stata di 3,6 milioni di barili al giorno nel secondo trimestre, in calo del 7% rispetto all’anno precedente.

Stessa musica per Chevron Corp, che ha registrato un risultato netto negativo per il secondo trimestre, in un quadro in cui pesano sul secondo produttore di petrolio Usa oneri pari a 5,2 miliardi di dollari a causa del crollo dei prezzi.

La perdita netta di competenza è di 8,27 miliardi di dollari, o 4,44 dollari per azione, nel secondo trimestre terminato il 30 giugno, contro un utile di 4,31 miliardi di dollari e un valore di 2,27 dollari per azione di un anno fa.

La produzione netta equivalente di petrolio della major è diminuita del 3% a 2,99 milioni di barili al giorno nel trimestre, mentre il prezzo di vendita medio del greggio è crollato a 19 dollari al barile negli Usa dai 52 dollari di un anno fa.

“Gli ultimi mesi hanno presentato sfide uniche”, ha dichiarato il presidente e CEO di Chevron Michael Wirth. “L’impatto economico della risposta a Covid-19 ha notevolmente ridotto la domanda dei nostri prodotti e abbassato i prezzi delle materie prime”.



Go to Source

Commenti l'articolo