Poke House investe nell’americana Sweetfin

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 17 GEN – Poke House continua la sua espansione internazionale e punta oltreoceano con l’investimento in Sweetfin, il brand californiano conosciuto come il precursore del poke negli Stati Uniti.
    Con questa operazione la foodtech nata nel 2018 da un’idea dei due giovani imprenditori Matteo Pichi e Vittoria Zanetti, porta a 90 le insegne del gruppo e, con le ulteriori 80 nuove aperture tra Europa e Stati Uniti del prossimo anno, Poke House prevede di raggiungere così i 170 negozi diretti e un fatturato superiore ai 100 milioni di euro.
    Poke House, che ha chiuso il 2021 con un fatturato superiore ai 40 milioni di euro, supporterà lo sviluppo di Sweetfin negli Stati Uniti attraverso un piano di sviluppo che prevede imminenti 40 nuove aperture nei prossimi anni tra la West Coast – dove Sweetfin è già presente con 14 locali tra Los Angeles, San Diego e Orange County – il Texas e l’Arizona, e attraverso la condivisione di know-how tecnologico. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source