Prezzi guerra: gas e petrolio riprendono a correre

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 08 DIC – Materie prime in rialzo con in testa gas e petrolio. Sul fronte del gas gli operatori che valutano l’impatto di temperature più rigide sugli stoccaggi mentre si attende una decisione dell’Europa sul price cap.
    Ad Amsterdam le quotazioni salgono a 154 euro al megawattora, con un incremento del 3,1%. In aumento anche il petrolio con il Wti che si attesta a 72,64 dollari al barile (+0,9%) e il Brent a 77,72 dollari (+0,7%). Avanzano i metalli con l’oro che si attesta a 1.782 dollari l’oncia (+0,6%) e l’argento a 22,71 dollari (+1,5%). Poco mosso l’alluminio (+0,06%), in aumento il rame (+0,5%) mentre è in calo il nichel (-0,2%).
    Sul versante alimentare si registra un rialzo delle quotazioni del grano con quello duro a 850 dollari (+0,2%) per il future da 5mila bushel, l’unità di misura statunitense per i cereali, e quello tenero a 752 dollari (+0,4%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source