Prezzi guerra: gas in calo in attesa dell’accordo sul price cap

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 16 DIC – Materie prime in ordine sparso mentre aumentano i timori di una recessione economica, dopo l’aumento dei tassi da parte delle banche centrali.
    Il prezzo del gas ha subito un netto capo in vista dell’accordo tra i Paesi dell’Ue sul price cap. Ad Amsterdam le quotazioni scendono a 123 euro al megawattora, con una flessione dell’8,4%. In calo anche il petrolio. Il Wti si attesta a 74,03 dollari al barile (-2,7%) e il Brent a 79.04 dollari (-2,6%).
    Tra i metalli l’oro registra un rialzo a 1.780 dollari l’oncia (+0,16%) mentre l’argento è in calo dell’1,7% a 22,72 dollari.
    In aumento anche l’alluminio (+0,7%) e il nichel (+0,6%).
    Nel settore alimentare in lieve calo il grano duro a 858 dollari (-0,3%) per il future da 5mila bushel, l’unità di misura statunitense per i cereali, mentre è in rialzo quello tenero a 757 dollari (+0,1%). (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source