Rifiuti: in 2020 urbani -3,6%. Calo maggiore in grandi città

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 21 DIC – Il lockdown e le restrizioni dovute a covid-19 hanno influito sulla produzione dei rifiuti urbani. Nel 2020 a livello nazionale ne sono stati prodotti 28,9 milioni di tonnellate, 1,1 milioni di tonnellate in meno rispetto al 2019 (-3,6%). La diminuzione più consistente al Centro (-5,4%), ma il calo c’è stato anche al Nord (-3,4%) e al Sud (-2,6%). È quanto emerge dal Rapporto Rifiuti Urbani Ispra 2021. Nelle 15 grandi città con più di 200mila abitanti, la pandemia ha fatto crollare la produzione dei rifiuti urbani del 8,8% tra il 2019 e il 2020.
    Un calo dovuto all’assenza di pendolarismo e flussi turistici. A Venezia e Milano il calo è rispettivamente del 15,7% e del 14%, seguite da Firenze e Palermo con riduzioni del 12,3% e 10,8%.
    Catania e Roma vicine a -10%. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source