Ryanair torna all’utile, ridimensiona timori recessione

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 07 NOV – Ryanair ha annunciato un ritorno all’utile nella prima metà dell’anno finanziario. Il risultato netto è stato di 1,37 miliardi di euro nei sei mesi fino alla fine di settembre dopo una perdita netta di 48 milioni di euro nell’anno precedente. Per l’intero anno la compagnia si aspetta un utile compreso tra 1,0 e 1,2 miliardi di euro.
    “La ripresa per il resto dell’intero anno 2022/23 rimane fragile e potrebbe ancora essere influenzata da nuove varianti di Covid o eventi geopolitici avversi come l’Ucraina”, ha affermato l’amministratore delegato Michael O’Leary. “Tuttavia, le prenotazioni anticipate rimangono forti nel periodo di punta dei viaggi natalizi”, ha aggiunto commentando i risultati.
    O’Leary ha definito “esagerate” le preoccupazioni per l’impatto della recessione e dell’aumento dell’inflazione per il modello di business di Ryanair, prevedendo per la compagnia aerea una crescita importante anche in un contesto di contrazione dell’economia “poiché i consumatori non smetteranno di volare, ma piuttosto diventeranno più sensibili ai prezzi”.
    Ryanair ha annunciato di aver trasportato 95 milioni di passeggeri nei sei mesi, rispetto ai 39 milioni di un anno prima. I ricavi sono più che triplicati a 6,6 miliardi di euro.
    (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source