Si allungano i tempi per i pagamenti delle imprese

Pubblicità
Pubblicità

I tempi medi di pagamento delle imprese italiane nel primo trimestre 2023 sono cresciuti di 1,6 giorni (da 65,2 a 66,8) rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. E’ quanto emerge da uno studio di Cerved sulle abitudini di pagamento delle imprese italiane.

    Il fenomeno, che ha interessato tutto il territorio nazionale, è il risultato della combinazione dell’allungarsi dei termini medi concordati in particolare dalle grandi imprese (+1,4 giorni) e del riacutizzarsi dei giorni di ritardo delle altre classi dimensionali (+0,2), un trend ripartito a fine 2022 dopo un anno in costante calo.

Sfruttando il loro peso negoziale, secondo la ricerca, i colossi hanno ottenuto di pagare in media a 70,6 giorni concordati contro i 64,8 dello scorso anno (ben di più dei 58,2 attuali delle piccole e medie imprese e i 43 delle micro), a cui ne aggiungono 11 di ritardo, mentre le imprese di minori dimensioni vedono al contrario un irrigidirsi delle scadenze: ciò si traduce in una mancanza di liquidità che sfocia non solo in maggiori ritardi (+0,5 giorni rispetto al primo trimestre 2022) ma sempre più spesso in mancati pagamenti. 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source