Simest, 4 miliardi per la crescita estera delle Pmi italiane

Pubblicità
Pubblicità

Quattro miliardi di euro dedicati in prevalenza alle Pmi. E’ questa la dotazione per la nuova operatività del Fondo 394, gestito da Simest in convenzione con il ministero degli Affari esteri, con l’obiettivo di finanziare gli investimenti per la crescita estera delle imprese italiane.
    Diverse le novità, dal sostegno agli investimenti per la transizione ecologica e digitale fino al rafforzamento della solidità patrimoniale delle imprese con vocazione internazionale. Saranno previsti, si legge in un comunicato congiunto di Simest e Maeci, “benefici per le imprese appartenenti alle filiere produttive votate all’export e per quelle impattate dai rincari dei costi energetici”.
    Previste inoltre “condizioni dedicate per le imprese con interessi diretti in aree strategiche per il Made in Italy, come i Balcani Occidentali, e per quelle localizzate nei territori colpiti dalla recente alluvione in Emilia-Romagna”.
    Attraverso il Fondo 394, precisano Simest e Maeci, “sono a disposizione delle imprese finanziamenti a tassi agevolati, fino allo 0,464% (tasso luglio 2023), a cui si potrà aggiungere una quota di cofinanziamento a fondo perduto fino al 10%. Le imprese potranno presentare domanda di finanziamento a partire dal 27 luglio, alle ore 9:00, sul portale Simest dei finanziamenti agevolati.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source