Sindacati dopo la Cabina di regia Pnrr, ‘preoccupano i ritardi’

Pubblicità
Pubblicità

Il confronto con i sindacati ha concluso i due giorni di lavori della Cabina di Regia sul Pnrr a Palazzo Chigi dove le sigle hanno espresso preoccupazione per i ritardi nell’attuazione del piano. Al termine dell’incontro la segretaria confederale della Uil, Ivana Veronese, ha affermato: “abbiamo bisogno di chiarezza, al momento non c’è” e spiegato che il governo invierà documenti “dove forse capiremo come intendono modificare il piano nazionale e 14 su 27 obiettivi della rata numero 4”.

    Per la Cgil, Christian Ferrari, ha definito il “metodo di confronto occasionale, estemporaneo, senza elementi di merito precisi per esprimere una valutazione compiuta”. Mentre la Cisl, con Ignazio Ganga, ha dato “una valutazione positiva della riunione della cabina di regia per il Pnrr, in quanto è stata l’occasione per confrontarci sui contenuti della terza relazione semestrale sul Pnrr”.

    Le riunioni, presiedute dal ministro per gli Affari europei Raffaele Fitto, sono iniziate poco dopo le 10 con le delegazioni di Confapi, Confimi, Confcommercio, Confesercenti, Federdistribuzione e Conflavoro Pmi. Alle 11 hanno seguito Alleanza delle Cooperative, Unicoop, Confartigianato, Cna, Casartigiani e Ue.coop. Dalle 12, infine, è stata la volta dei sindacati con Cgil, Cisl, Uil, Ugl, Confsal, Cisal e Usb.
    
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source