Snam: con Mubadala per idrogeno negli Emirati Arabi Uniti

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – MILANO, 22 MAR – Snam e Mubadala Investment Company (Mubadala) hanno firmato un protocollo d’intesa con l’obiettivo di collaborare su iniziative congiunte di investimento e sviluppo sull’idrogeno.
    Le due aziende realizzeranno attività di valutazione, compresi studi tecnici e di fattibilità economica, di potenziali progetti e soluzioni finalizzati a promuovere lo sviluppo dell’idrogeno negli Emirati Arabi Uniti e altrove, a livello globale. L’accordo è stato siglato ad Abu Dhabi da Marco Alverà, amministratore delegato di Snam, e da Musabbeh Al Kaabi, amministratore delegato di Mubadala.
    Snam è stata la “prima società in Europa a sperimentare l’immissione di idrogeno misto a gas naturale nella propria rete del gas ed è impegnata a rendere la propria infrastruttura pronta a trasportare quantitativi crescenti di idrogeno”, spiega una nota. La società ha anche dato vita a una business unit impegnata nello scouting di nuove tecnologie e nello sviluppo di progetti, insieme ad altri partner, per l’adozione dell’idrogeno in vari settori industriali, dal trasporto ferroviario alla siderurgia.
    Lo scorso anno, Mubadala Investment Company ha anche aderito all’Investor Group dell’Hydrogen Council, rafforzando l’impegno dell’azienda in questo settore emergente. La società ha creato di recente la Abu Dhabi Hydrogen Alliance, insieme ad Adnoc e Adq, con l’obiettivo di creare una vera economia dell’idrogeno verde negli Emirati.
    Con questo accordo Snam “rafforza ulteriormente – aggiunge – la propria presenza nelle aree degli Emirati Arabi Uniti e del Golfo, entrambe strategiche per il loro ruolo cruciale nella transizione energetica”, afferma Marco Alverà, amministratore delegato di Snam.
    “La firma di questo accordo con Snam rappresenta prova ulteriore dei nostri sforzi congiunti per sviluppare un’economia alimentata a idrogeno negli Emirati, nonché del nostro impegno a sostenere il ruolo che l’idrogeno può avere nel far fronte alla domanda energetica mondiale”, sostiene Musabbeh Al Kaabi, amministratore delegato di Mubadala. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source