5bc3b920fe372be1e0d9fa8d5b12b986

Sostegni bis: verso un contratto di rioccupazione

Economia
Pubblicità
Pubblicità

5bc3b920fe372be1e0d9fa8d5b12b986

uesto (ANSA) – ROMA, 13 MAG – Nel decreto Sostegni bis si va verso la definizione di un “contratto di rioccupazione” da applicare a tutti i settori: un contratto a tempo indeterminato che, a quanto si apprende, sarà legato alla formazione e ad un periodo di prova, massimo di sei mesi, con sgravi contributivi al 100% che andranno restituiti nel caso in cui il lavoratore non venga poi assunto. Sgravi che si cumulano agli altri già a disposizione. La norma, proposta dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, punta a a mettere in moto un sistema che favorisca la ripartenza e un’alternativa ai licenziamenti (il primo blocco scadrà il 30 giugno).
    Inoltre, per i settori del commercio e del turismo, tra i più colpiti dagli effetti della pandemia, il decreto dovrebbe prevedere un esonero contributivo al 100% per i dipendenti che vengono riconfermati dopo il blocco dei licenziamenti e la fine della cassa Covid a ottobre, per mantenere i livelli occupazionali. Con questo stesso obiettivo, le aziende che registrano un calo del 50% di fatturato potranno stipulare un contratto di solidarietà con la retribuzione al 70% ma dovranno impegnarsi, nell’accordo, al mantenimento dei livelli occupazionali. Per i contratti di espansione, invece, si va verso l’abbassamento della soglia a 100 dipendenti sia per lo scivolo verso l’uscita che per la riduzione dell’orario di lavoro, nella logica – sempre a quanto si apprende – di premiare le aziende che assumono e sostenere così la staffetta generazionale. (ANSA).
   



Go to Source