Stellantis è il nome della holding che nascerà dall’unione tra Fca e Psa

Economia

16 Luglio 2020, di Alessandra Caparello

Si chiamerà Stellantis il gruppo automobilistico che nascerà dalla fusione tra Fca e Psa, “uno dei nuovi leader nella prossima era della mobilità, preservando sia il valore eccezionale dell’insieme sia i valori delle singole parti costituenti”. A scriverlo il presidente di Fca, John Elkann, e l’amministratore delegato, Mike Manley, ai dipendenti del gruppo nel mondo.

Stellantis deriva dal verbo latino “stello” che significa “essere illuminato di stelle” e trae ispirazione da questo nuovo e ambizioso allineamento di marchi automobilistici leggendari e di forti culture aziendali (…) obiettivo è unire “la dimensione di un gruppo veramente globale con una straordinaria ampiezza e profondità di talenti, know-how e risorse in grado di fornire le soluzioni di mobilità sostenibile dei prossimi decenni”.

Così nella lettera scritta da Elkann e Manley i quali spiegano che l’origine latina del nome della nuova holding che sarà sulla scena automobilistica mondiale il prossimo anno “richiama lo spirito di ottimismo, energia e rinnovamento alla base di questa unione che cambierà il settore automotive”.

Stiamo lavorando anche a un nuovo logo che sarà presentato entro un paio di mesi e i nomi e i loghi dei singoli marchi costitutivi del Gruppo  rimarranno invariati”. “Siamo fortemente convinti che questa fusione incarni il coraggio e lo spirito visionario che hanno portato alla nascita dell’industria automobilistica oltre un secolo fa. Si tratta dello stesso coraggio dei pionieri che hanno fondato le nostre aziende, innovatori capaci di distinguersi in un settore che hanno fortemente contribuito a sviluppare. Per noi è un onore e un privilegio far parte di questo progetto straordinario, grazie al quale ci accingiamo ad unire alcuni tra i più importanti marchi della storia dell’automobile sotto il nome di Stellantis, che avrà indubbiamente un ruolo decisivo nel definire il futuro del nostro settore”.



Go to Source

Commenti l'articolo