Superindice Ocse conferma flessione crescita, Italia inclusa

Pubblicità
Pubblicità

Il superindice dell’Ocse, concepito per anticipare di 6-9 mesi le tendenze economiche future, continua ad indicare un “rallentamento della crescita” in gran parte delle grandi economie mondiali, Italia inclusa. In particolare, si legge in una nota diffusa dall’organismo internazionale con sede a Parigi, gli Indicatori Economici Avanzati (Ica) dell’Ocse “continuano a segnalare un rallentamento della crescita negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Canada, come anche nella zona euro, in particolare, in Germania, in Francia e in Italia”.”Come nei mesi precedenti – prosegue l’Ocse – questi sviluppi possono principalmente attribuirsi ad una elevata inflazione e ad un aumento dei tassi di interesse”.
    Per il Giappone, precisa l’Ocse, si continua invece ad intravedere una dinamica di “crescita stabile”. Tra le economie emergenti, si prosegue nella nota, “i segnali restano contrastanti. In Cina (settore industriale), l’Ica conferma segni di “stabilizzazione della crescita”. Al contrario, in India e Brasile, gli Ica anticipano un “rallentamento” dovuto rispettivamente agli indicatori monetari e agli ordini nel settore manifatturiero.  

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source