17ae2bf35f7e245dd8a85f215b92b378

Tlc:Data4 punta 350 milioni su crescita datacenter in Italia

Economia
Pubblicità
Pubblicità

17ae2bf35f7e245dd8a85f215b92b378

(ANSA) – MILANO, 07 APR – Data4, uno dei principali operatori e investitori francesi ed europei nel mercato dei data center, ha annunciato oggi un finanziamento bancario record pari a 620 milioni di euro che porta a quasi 1 miliardo la sua ‘potenza di fuoco’ per crescere in Europa e sull’Italia, dove ha già un sito a Cornaredo (Milano), punta 350 milioni. Il gruppo punta in 5 anni a raddoppiare il suo fatturato.
    “Il finanziamento appena ottenuto risulta particolarmente importante per il posizionamento di Data4 in Italia, in quanto ci consente di rispondere al trend positivo di sviluppo del mercato a cui stiamo assistendo” sottolinea il Country Manager di DATA4 Services Italy, Davide Suppia. “Di fronte alla crescente digitalizzazione del Paese, il finanziamento ci consente di portare il piano di investimenti in Italia a 350 milioni di euro (parliamo di ulteriori 100 milioni di euro che si vanno aggiungere ai 250 stanziati) – precisa Suppia – entro il 2024 saranno operativi 10 Datacenter, 5 di questi oggi sono già occupati con clienti attivi, mentre il sesto è fase di test e sarà pronto nel mese di luglio. A febbraio 2022 ci sarà poi l’apertura di un altro Data Center”.
    Il finanziamento di 620 milioni di euro è stato erogato da tre banche, Deutsche Bank, Société Générale e SMBC, che sono joint-arranger, bookrunner e underwriter di questa transazione.
    L’operazione, ricorda una nota, è una componente chiave della strategia 2020-2024 annunciata, a maggio 2020, dal Gruppo che tra gli altri finanziatori è supportato anche da AXA IM – Real Assets. Con le risorse aggiuntive prevede di incrementare la capacità di potenza del campus di Marcoussis da 100MW a 200MW, rendendolo il più potente campus di data center in Europa, e di aumentare significativamente il numero di data center nei campus esistenti in Italia e Spagna ed espandersi in Germania, Europa centrale e Scandinavia. (ANSA).
   



Go to Source