Ucraina: banche rafforzano vigilanza contro cyberattacchi

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – ROMA, 25 FEB – Le banche italiane stanno rafforzano la vigilanza contro i possibili cyberattacchi nell’ambito della crisi fra Ucraina e Russia. E’ quanto spiegano diverse fonti di settore secondo cui la misura arriva dopo che, da una decina di giorni, gli istituti di credito hanno alzato l’attenzione sul tema che negli ultimi mesi è stato peraltro oggetto di continui richiami e avvisi da parte della Bce e delle banche centrali nazionali. Si teme infatti che le sanzioni a Mosca possano infatti far scatenare una ‘rappresaglia’ virtuale contro le reti finanziarie e le attività di banche e assicurazioni. Sul fronte della cybersecurity e in generale sull’It le banche stanno stanziando in questi anni ingenti investimenti in continua crescita. Oltre ai soggetti pubblici come l’Agenzia di Cybersecurity, il settore finanziario può contare sul CERTFin – CERT, un organismo pubblico-privato gestito da Banca d’Italia e Abi dove siedono anche rappresentanti di Ivass. Ania e Consob.
    L’Attività di Certfin-Cert consiste nel ricevere info di possibili minacce (dalle truffe tramite phishing agli attacchi per il blocco delle attività) sia dalle stesse banche e assicurazioni sia dall’esterno tramite i circuiti internazionali per poi informare gli aderenti con appositi avvisi. Periodicamente inoltre vengono svolte simulazioni per simulare attacchi ai sistemi bancari e testare la loro capacità di resistenza. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source