Urso, ‘non lasceremo che filiera automotive sia strangolata’

Pubblicità
Pubblicità

(ANSA) – RAPALLO, 23 GIU – “È difficile invertire rotta ma noi ci riusciremo, è chiaro che sia importante con una politica industriale sull’automotive che salvaguardi l’indotto italiano perché la straordinaria filiera dell’automotive italiano, con questa politica industriale, sarà strangolata e non ce lo possiamo permettere”. Lo afferma il ministro delle Imprese e del made in Italy, Adolfo Urso, al convegno dei Giovani Imprenditori Confindustria a Rapallo.
    Urso ricorda il rapporto tra le auto prodotte e quelle assorbite nel mercato, che in Italia è del 35,9% delle auto vengono introdotte, in Francia del 66%, in Germania del 131% e in Spagna, “dove agisce molto Stellantis”, del 219%.
    “Siamo in un processo di transizione o di dismissione della produzione di mobilità nel nostro Paese?”. E’ la domanda che si pone il segretario generale della Fiom-Cgil Michele De palma all convegno ‘Costruire l’industria della mobilità ecologica’ in corso alla Camera del lavoro di Milano. “La situazione della mobilità sostenibile in Italia è molto preoccupante – spiega – perché abbiamo un ritardo rispetto agli altri paesi europei. C’è una crisi che va avanti da più di 10 anni, produciamo meno di 500mila vetture e non abbiamo più l’industria degli autobus”. (ANSA).
   

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source