Wealth management, tre leve per accelerare la crescita nel post-Covid

Economia

Il Covid 19 ha cambiato in modo permanente il modo in cui i wealth manager forniscono consulenza ai propri clienti. Per garantire rendimenti superiori a quelli del mercato nei prossimi 5 anni, le società che operano nel settore dovranno raddoppiare gli investimenti in tecnologia, tagliare strategicamente i costi, costruire offerte di prodotti differenziati e prendere in considerazione opportunità inorganiche.

Sono queste alcune indicazioni emerse in un report sul Wealth Management di Oliver Wyman e Morgan Stanley dal titolo “After the Storm”,

Punto di partenza dell’analisi è che, in un clima di incertezza generalizzata, anche il settore dell’asset management non è stato risparmiato dalla “tempesta” causata dalla pandemia da Covid. Anche se a differenza di altre crisi, questa volta non si è registrata una fuga dagli investitori così accentuata.

Stando alle stime, nei prossimi cinque anno le attività in gestione subiranno una crescita lenta del 3-4% annuo sotto il 7% annuo messo  segno in media nei mercati sviluppati nei cinque anni precedenti il COVID-19, dicono gli esperti, che nonostante tutto sottolineano come il settore sia ancora molto attraente.

La strategia da adottare

Per tornare crescere veloce nei prossimi anni appare però necessario adottare una strategia diversa che può essere sintetizzata in tre punti:

1) Adattarsi alla nuova normalità implementando nuovi modelli di consulenza e accelerando i casi di utilizzo digitale. Il modello di consulenza del futuro, che dovrà essere omni-canale,  dicono gli esperti di Oliver Wyman, secondo cui entro il 2024 solo il 20% delle relazioni con i clienti coinvolgeranno, oltre alle interazioni con le app, anche le relazioni faccia a faccia.

2) Difendere il business trovando una leva operativa attraverso un  migliore approccio ai costi. In base ai calcoli, il settore può ridurre le spese medie fino a 12 punti percentuali, attraverso una combinazione di efficienza mirata e di opportunità di crescita dei ricavi direttamente correlate.

3) Consolidare la condivisione e favorire la crescita attraverso prodotti differenziati. In questo caso, il focus è sulle strade per accelera la crescita, una più organico che si concentra sull’investimento in prodotti che soddisfano le esigenze degli investitori, a partire da quelli che hanno criteri di sostenibilità.
Altrettanto importante è la crescita inorganica attraverso alleanze o operazioni societarie.”Alcuni mercati, come gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Svizzera, sono i più maturi per il consolidamento e ci aspettiamo di vedere un’attività continuativa nei prossimi anni”, concludono.



Go to Source

Commenti l'articolo