Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Roma, 8 mag. (Adnkronos) – Sindacato e mondo della ricerca insieme per combattere la disoccupazione. Firmata oggi da Cisl ed Enea una convenzione con l’obiettivo di far maturare nuove professionalità specializzate nell’efficienza energetica e nelle rinnovabili per il settore dell’edilizia, con l’obiettivo di produrre nuovi posti di lavoro. La convenzione, la prima fra un sindacato e un Ente di ricerca scientifica e tecnologica, è stata firmata oggi a Roma dal Commissario dell’Enea, Giovanni Lelli, e dal Segretario confederale del Dipartimento Sviluppo sostenibile della Cisl, Fulvio Giacomassi.

“E’ la prima volta che la Cisl si allea con un Ente di ricerca applicata qual’è l’Enea, che ha grandi competenze al suo interno, e il nostro obiettivo è realizzare un progetto comune su come da interventi di efficienza energetica in un settore in crisi come l’edilizia si possano produrre posti di lavoro”, ha spiegato Giacomassi all’Adnkronos. “Dovremo lavorare con intensità ma penso che entro fine anno potremo portare una proposta concreta al Governo e agli Enti locali” ha aggiunto.

“Per noi -ha proseguito Giacomassi- si tratta di mettere su carta, come attraverso interventi di efficienza energetica possiamo produrre nuovi posti di lavoro” ha detto ancora Giacomassi. “Non si può -ha aggiunto ancora Giacomassi- come sindacato fare solo la lista dei bisogni, vogliamo lavorare anche a proposte concrete”. Con questa convenzione, quindi, le specifiche conoscenze socio-economiche sul mondo del lavoro della Cisl entrano in sinergia con le competenze tecnico-scientifiche dell’Enea per mettere a punto progetti di riqualificazione urbana e di formazione.

E che attraverso interventi di efficienza energetica specie in edilizia si produce occupazione lo hanno rilevato anche studi internazionali e nazionali. Nel corso dell’incontro esperti dell’Enea hanno riferito che a fronte di 1 milione di euro di investimenti in efficienza energetica si producono 15-17 nuovi posti di lavoro in forma diretta, più 80 in forma indiretta.

Solo gli incentivi del 55%, partiti nel 2007 e in scadenza a giugno prossimo, hanno portato 15 miliardi di investimenti producendo centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro. Proprio una ricerca dell’Enea condotta nel 2010 ha rilevato che, nel settore delle Pmi, dagli incentivi del 55% sono stati generati, solo in quell’anno, 50mila nuovi posti di lavoro.

In particolare, la convenzione Cisl-Enea mira a realizzare progetti di riqualificazione energetica di edifici pubblici e di complessi residenziali, anche attraverso l’applicazione dei modelli di Smart City, per promuovere l’efficienza energetica, lo sviluppo delle energie rinnovabili e la formazione di figure professionali specializzate nel settore dell’edilizia.

“L’obiettivo è spingere su crescita e occupazione mettendo insieme le reciproche competenze. E lavoreremo su questo” ha sottolineato Lelli.

In base alla convenzione, la Cisl, che “è fortemente impegnata nel promuovere l’efficienza energetica negli usi finali e a perseguire gli obiettivi di incrementare la quota energetica da fonti rinnovabili negli edifici” come ha sottolineato Giacomassi, si avvarrà del supporto tecnico della Sezione Residenziale-Terziario (Utee-Eet) dell’Enea.

Insieme Cisl e Utee-Eet Enea hanno programmato di definire le caratteristiche e le qualità energetico-ambientali del parco edilizio, con particolare riferimento alla Pubblica Amministrazione, ed elaborare proposte di miglioramento sulla base di analisi costo-efficacia degli interventi. “Siamo fiduciosi nella proposta che in tempi brevi potremo produrre. Lavorare sull’efficienza energetica e sulle rinnovabili darà impulso al manifatturiero”, ha concluso Giacomassi.


pubblicato da Libero Quotidiano

Con accordo Cisl-Enea nuovi posti dall'efficienza energetica in edilizia

Notizie del italia, economia, notizie italia

Quotidiani

Il Denaro, Il Fatto Quotidiano, Libero Quotidiano

Rispondi

Archivi