Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Articolo completo:
pubblicato da Libero Quotidiano

La Cassazione sulle nozze gay Hanno diritto a vita familiare

Le coppie omosessuali hanno “diritto alla vita familiare” e a “vivere liberamente una condizione di coppia” con la possibilità, in presenza di “specifiche situazioni”, di un “trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”. Così la corte di Cassazioni, in una sentenza depositata oggi, giovedì 16 marzo, che muove dalla premessa che con l’attuale legislazione le coppie omo “non possono far valere il diritto a contrarre matrimonio né il diritto alla trascrizione del matrimonio celebrato all’estero”.

Gli stessi diritti – Il verdetto è stato depositato al termine di un iter giudiziario avviato da una coppia gay della provincia di Roma che si era sposata all’Aja, in Olanda, e che chiedeva la trascrizione dell’atto di nozze in Italia. La richiesta era stata respinta dalla prima sezione civile della Cassazione, che ha però stabilito che anche per le coppie gay devono valere gli stessi diritti assicurati dalla legge a qualsiasi coppia etero, e pertanto “possono adire i giudici comuni per far valere, in presenza di specifiche situazioni, il diritto ad un trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”.

Strasburgo e le nozze gay – La pronuncia della Cassazione ha seguito quella del parlamento di Strasburgo, che martedì pomeriggio ha chiesto il riconoscimento dei matrimoni omosessuali in tutti i Paesi europei. In sostanza, con la sentenza 4184, la Cassazione ha stabilito che anche per le coppie omosessuali devono valere gli stessi diritti assicurati dalla legge a qualsiasi coppia etero. Secondo la Suprema Corte “i componenti della coppia omosessuale, conviventi in stabile relazione di fatto, se secondo la legislazione italiana non possono far valere né il diritto a contrarre matrimonio né il diritto alla trascrizione del matrimonio contratto all’estero, tuttavia, poiché titolari del diritto alla ‘vita familiare’ e nell’esercizio del diritto inviolabile di viviere liberamente una condizione di coppia e del diritto alla tutela giurisdizionale di specifiche situazioni, segnatamente alla tutela di altri diritti fondamentali, possono adire i giudici comuni per far valere, in presenza di specifiche situazioni, il diritto a un trattamento omogeneo a quello assicurato dalla legge alla coppia coniugata”.


Rispondi

Archivi