Raccolta News di Economia e Finanza aggiornate in tempo reale

Articolo completo:
pubblicato da Libero Quotidiano

L’Iran mostra i muscoli Navi da guerra nel Mediterraneo

Il comandante della Marina della Repubblica Ismalica, ammiraglio Habibollah Sayyari, ha annunciato che navi da guerra iraniane sono entrate nel Mediterraneo passando per lo Stretto di Suez. La mossa dell’Iran era già stata annunciata dal governo iraniano venerdì. Le unità navali dovrebbero raggiungere la costa della Siria. Le intenzioni dell’Iran, secondo gli analisti, appaiono chiare. L’invio delle navi suona come un monito verso l’Occidente. L’Iran infatti è uno dei principali alleati del dittatore Assad e stando ad alcuni rapporti segreti aiuterebbe il regime nella repressione degli insorti inviando armi e uomini. Il Paese islamico, a prevalenza sciita, non vede di buon occhio un cambio di vertici a Damasco che favorirebbe gli odiati sunniti. L’Iran ha paura di perdere la sua influenza regionale se Assad dovesse cadere. La mossa di inviare unità da guerra quindi è da ascrivere all’interno del complesso quadro Medio Orientale, dove si sta giocando una partita di forze tra i Paesi della regione. Pochi giorni fa l’Onu ha condannato con una risoluzione morbida la repressione violenta delle rivolte in Siria. L’invio delle navi da guerra iraniane è da intendere come un avvertimento agli Stati Uniti e ai suoi alleati. I vertici iraniani non vogliono che si ripeti in Siria quanto successo in Libia un anno fa.


Rispondi

Archivi