22-02-2022, oggi è una data palindroma e ambigramma. Cosa vuol dire?

Pubblicità
Pubblicità

L’ultima volta era successo il 2 febbraio 2020, o meglio il 02-02-2020. Ed è accaduto di nuovo oggi: 22-02-2022. Una data palindroma, ovvero simmetrica nella lettura, che venga guardata da sinistra a destra o da destra a sinistra, senza cambiare di significato. O, in questo caso, senza che cambi il giorno del calendario. Nel corso di questo secolo questa particolarità si è presentata altre sei volte. E prima che finisca ricapiterà altre 22 volte. L’ultima sarà addirittura un palindromo bisestile: 29-02-2092.

Il termine palindromo deriva dall’unione di due parole del greco: palin (tradotto: indietro) e dramein (che significa: correre). E non ci sono solo esempi numerici, ma anche parole o intere frasi: “Anna” oppure “I topi non avevano nipoti”.

Ma non è tutto, la data di oggi è anche ambigramma: può essere letta anche capovolta, a testa in giù. Per rendersene conto conviene guardarla su un orologio elettronico con caratteri digitali. 

La parola ambigramma è stata coniata nel 1986 dall’inglese Douglas Hofstadter che arrivò al lemma corrente, formato dal prefisso latino ambi- (entrambi) e dal radicale greco -gram (scrittura).

Ma ci sono altre due curiosità legate a questa data. Per gli anglofoni oggi è il “Twosday”, il giorno del 2, il numero ricorrente nella data di oggi, che cade di martedì, che in inglese si dice “Twesday”, quasi la stessa pronuncia.

Il due è anche il numero dei gemelli. E per questo ad Altavilla Irpina, in Campania, si tiene infatti il raduno dei “gemelli d’Italia”. Perché proprio lì, vicino Avellino? Uno studio dello storico Giancarlo Mauro, di origini altavillesi, ha dimostrato che ad Altavilla ci sia un’incidenza di nascite gemellari più alte che in altri luoghi. Una tesi che fortifica la leggenda che circola tra i minatori della zona e che vuole che se si trova un “pane” di zolfo, di cui è ricco il sottosuolo di Altavilla, dopo pochi passi, se ne trovi un altro identico, gemello appunto.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source