“A morte Fedriga”, scritta con minacce al governatore del Friuli: solidarietà bipartisan

Pubblicità
Pubblicità

“A morte Fedriga“: è la minaccia indirizzata al governatore del Friuli Venezia Giulia da un mano ignota lasciata sul muro di una abitazione abbandonata di Osoppo (Udine). A denunciare l’accaduto, sul proprio profilo Facebook, è il sindaco Luigino Bottoni.

“In questo momento di difficoltà – scrive – le persone dovrebbero pensare a unire, risolvere e trovare soluzioni. Invece, esplode sempre di più l’odio ingiustificato e ingiustificabile e questo non è tollerabile nella forma più assoluta. Il Comune di Osoppo sporgerà denuncia per questi imbrattamenti ingiuriosi e minacciosi”.

[embedded content]

A Fedriga sono arrivati messaggi di solidarietà bipartisan: dal gruppo del M5s in Consiglio regionale, alla Lega Fvg, passando per il Pd, tutti hanno espresso vicinanza al governatore e presidente della Conferenza Regioni condannando il gesto e chiedendo alle autorità di cercare di risalire al più presto all’autore delle scritte. Debora Serracchiani, capogruppo dem alla Camera, ha espresso “a nome delle deputate e dei deputati del Pd vicinanza e piena solidarietà al presidente Fedriga, oggetto di gravi minacce. Basta clima d’odio. Si faccia luce quanto prima sugli autori di questi atti vigliacchi”. Anche il presidente della Regione Veneto, Luca Zaia, rivolgendosi a Fedriha, ha detto: “Esprimo all’amico e collega Fedriga tutta la mia solidarietà, umana e istituzionale. Lo dico da tempo: in questo Paese tira una brutta aria, impregnata di livore, spesso anche di odio, che la democrazia deve respingere con ogni mezzo. Mi auguro – ha aggiunto – che gli autori di questo ennesimo gesto ignobile vengano presto individuati e assicurati alla giustizia. Fedriga è solo l’ultimo di una lunga serie di rappresentanti delle istituzioni ad essere messo nel mirino, ma di certo le istituzioni non si fanno intimidire”.

“La tua fine è vicinissima”: lettera con minacce di morte a Maurizio Gasparri. Solidarietà da Lega a Pd

Su Twitter è interventuo anche Matteo Salvini: “Insulti vergognosi alla polizia e minacce di morte al governatore leghista del Friuli Venezia Giulia. A Massimiliano Fedriga e alle forze dell’ordine la mia solidarietà”.

Il sindaco di Osoppo nel suo post allega la foto di altre scritte, che prendono di mira anche le forze dell’ordine, esprimendo solidarietà.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source