Abbandonato sul ciglio della strada perché troppo debole: Nuvola, l’agnellino che scamperà al macello di Pasqua

Pubblicità
Pubblicità

L’allevatore lo avrebbe lasciato morire sul ciglio della strada perché Nuvola era il più debole, non seguiva la mamma, non era al passo con gli altri agnellini. Sarebbe morto davvero se una coppia di Pecetto non avesse visto l’animale abbandonato e lo avesse reclamato. I due hanno raccontato di aver dovuto pagare anche un prezzo per portare via l’animale di cui l’allevatore voleva sbarazzarsi. 

Da domenica pomeriggio Nuvola si trova al Canc, il Centro animali non convenzionali  di Grugliasco dove i veterinari stanno cercando di salvargli la vita. “Quando è arrivato non si reggeva in piedi – racconta Mitzy Mauthe von  Degerfeld,  responsabile del centro insieme a Giuseppe Quaranta -Ora è migliorata, questa mattina ha cominciato a muovere i primi passi ma non possiamo ancora dichiararlo fuori pericolo perché non riesce ancora ad alimentarsi da solo”.

Nuvola è un agnellino di pochissime settimane, un maschietto: se fosse rimasto nel branco e non fosse stato allontanato per la sua debolezza sarebbe potuto finire sulla tavola pasquale di qualche piemontese, tutto sommato ora ha una chance per sopravvivere. I veterinari del centro gli hanno somministrato flebo e lo alimentano con un sondino.

Un'altra foto di Nuvola

Un'altra foto di Nuvola

Un’altra foto di Nuvola 

“Da quando siamo riusciti a fargli prendere il latte ha ripreso forze – spiega ancora la veterinaria – Lo abbiamo anche lasciato un po’ al sole perché la luce gli fa bene. Speriamo che presto abbia abbastanza energie per succhiare dal biberon da solo.  Viste le condizioni in cui è stato ritrovato abbiamo il timore che non abbia succhiato il colostro della mamma alla nascita e questo lo rende un animale più debole perché attraverso il colostro gli anticorpi passano dalla mamma al piccolo e serve anche a ripulire l’intestino del cucciolo dai residui della gravidanza”.

Se si riprenderà Nuvola avrà comunque già qualcuno che si prenderà cura di lui. La coppia che l’ha trovato ha già deciso di adottarlo e si è detta disponibile a pagare tutte le spese mediche dell’animale. Ora stanno cercando una sistemazione adeguata per l’agnellino, un posto che gli consenta di vivere come un animale da compagnia e che permetta ai suoi salvatori di andarlo a trovare di tanto in tanto. 

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source