Aggressione omofoba alla festa di Cava Manara, insulta e spintona quattro ragazzine tra i 12 e i 15 anni: “Lesbiche di m., vi ammazzo”

Pubblicità
Pubblicità

La festa del paese, tanta gente in giro per strada a tarda sera e un uomo adulto che all’improvviso inizia ad apostrofare quattro ragazzine, quattro amiche dai 12 ai 15 anni, urlando “lesbiche di m…, vi ammazzo” e poi aggredendole fisicamente, con sputi, spintoni e capelli tirati.

La denuncia dell’aggressione omofoba arriva da Davide Podavini, presidente di Coming-Aut, una associazione per i diritti delle persone Lgbtq+: il fatto sarebbe accaduto domenica sera, tra le 22,30 e le 23, a Cava Manara, in provincia di Pavia.

Le quattro amiche erano appunto in centro per la festa del paese quando un uomo di 47 anni le ha aggredite: mentre qualcuno cercava blandamente di fermarlo e altri si limitavano a riprendere la scena con i cellulari, è stata una signora che abita in zona a intervenire, mettendosi di mezzo tra lui e le ragazzine. L’aggressore l’ha quindi colpita con i pugni, facendola finire sull’asfalto.

L’arrivo della polizia locale ha messo fine all’aggressione, mentre la donna è stata portata al pronto soccorso per essere medicata.

“Solidarietà alle giovanissime vittime dell’aggressione, che sono state marchiate come lesbiche e in quanto tali considerate meritevoli di manifestazioni d’odio, di violenza fisica e verbale. Ancora una volta di fronte allo sguardo indifferente di chi era presente. E un sentimento di gratitudine per Chiara Piccoli, che ha avuto il coraggio di intervenire, a rischio della sua incolumità, per fermare l’attacco. Anche a lei tutta la nostra solidarietà per la violenza subita”, commenta Podavini.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *