Airbus taglia 15 mila posti entro il 2021, anche Air France studia riduzioni

La Republica News

MILANO – Airbus taglierà “circa 15.000 posti di lavoro”, ovvero l’11% del suo personale in tutto il mondo entro l’estate del 2021. La misura verrà presa senza escludere licenziamenti, con l’obiettivo di “ridimensionare la sua attività nel settore dell’aviazione commerciale” di fronte alla crisi dovuta al coronavirus. E’ quanto si legge in una nota del produttore europeo di aeromobili. Nel dettaglio, circa 5.100 posti saranno tagliati in Germania, 5.000 in Francia, 1.700 nel Regno Unito, 900 in Spagna e 1.300 negli altri siti del gruppo in tutto il mondo.Il gruppo aeronautico ha motivato la drastica misura con la forte crisi attraversata dal trasporto aereo, causa coronavirus, con un calo dell’attività commerciale del 40% e con prospettive di ritornare ai livelli pre-Covid, per il settore del traffico aereo in generale, non prima del 2023 e, nelle ipotesi peggiore, nel 2025. Ovviamente i tagli, ha aggiunto la compagnia, verranno effettuati in seguito ad accordi con le parti sociali.Ma la decisione ha già sollevato forte contrarietà in Francia, dove sono previste le riduzioni maggiori, insieme alla Germania. Il ministero dell’Economia ha dichiarato di considerare “eccessivo” il numero dei posti che il gruppo ha in mente di tagliare e di augurarsi che Airbus metta in pista tutte le misure messe a disposizione dal governo francese per attutire il volume dei tagli, ricordando che Parigi ha attivato 15 miliardi di risorse per sostenere il settore.Ma Airbus non è l’unica ad aver annunciato tagli nel comparto dei voli aerei. Anche  Air France ha allo studio una riduzione del personale per fare fronte alle difficoltà del settore del trasporto aereo dovute alla pandemia. Lo riferiscono fonti sindacali francesi secondo cui il piano della compagnia franco-olandese prevede un taglio di 7.500 posti di lavoro entro la fine del 2022, di cui 6.560 (su circa 41.000) nella compagnia e oltre 1.000 nel perimetro della controllata regionale hop!.


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi