Alberto Ginulfi, morto il portiere che parò un rigore a Pelé

Pubblicità
Pubblicità

E’ morto all’età di 81 anni Alberto Ginulfi, ex portiere della Roma che parò uno dei pochissimi rigori sbagliati in carriera da Pelé. Lo ha reso noto la famiglia. Ginulfi, romano, aveva difeso la porta dei giallorossi dal 1962 al 1975, prima di chiudere la carriera con altre esperienze al Verona, alla Fiorentina e alla Cremonese.

Le notti romane del divo Pelé, e quel rigore parato da Ginulfi

Il suo momento di gloria lo visse il 3 marzo 1972 quando durante un’amichevole della Roma con il Santos allo stadio Olimpico riuscì a parare un rigore a una leggenda come O Rei, unico portiere italiano a potersi vantare di questa impresa.

Ginulfi con Pelé

L’attaccante brasiliano fu il primo a congratularsi con lui: “Mi lasciò la maglia e a fine partita mi invitò all’ambasciata brasiliana di piazza Navona, per il giorno dopo”, aveva rievocato Ginulfi. La maglia di Pelè la custodiva gelosamente: “Maniche lunghe, scudetto ricamato e numeri attaccati con il filo. La tengo nascosta, insieme a quella di Maradona. Me l’hanno chiesta in tanti, ma è incedibile”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *