Alc 0315 e vaccino Pfizer: la bufala dell’eccipiente nocivo per l’uomo

Pubblicità
Pubblicità

Tre lettere e quattro numeri per spargere in rete l’ennesima bufala sui vaccini. Uno in particolare, quello di Pfizer e BioNtech, colpevoli di aver prodotto un vaccino contenente un eccipiente nocivo per la nostra salute: Alc-0315.

A lanciare la bufala subito diventata ‘narrazione’ social al servizio dei No Vax è stata Francesca Donato, l’ex esponente della Lega da sempre contraria al vaccino Covid.

Come stanno davvero le cose? A chi credere? Della questione si sono occupati nei giorni scorsi già due siti anti-bufale, Facta News e Bufale.net smentendo nettamente la notizia. Per chiarire ulteriormente come stanno le cose, abbiamo intervistato il professor Filippo Drago, direttore dell’Unità di farmacologia clinica del Policlinico universitario di Catania e membro della task force per Covid-19 della Società Italiana di Farmacologia.

Che cos’è Alc-0315

Come si può leggere dai documenti ufficiali dell’azienda, il vaccino Comirnaty effettivamente contiene questa sostanza. Di cosa si tratta? “Sono dei lipidi sintetici che vengono utilizzati per inglobare l’mRna che poi viene utilizzato per la formulazione del vaccino e che serve a facilitarne l’ingresso nelle cellule”, spiega Drago che aggiunge: “Anche nel vaccino di Moderna viene impiegato un lipide del tutto simile”.

Vaccino Covid ai bambini. chi decide se uno dei genitori è no vax?

La richiesta di chiarimento dell’Ema

Secondo la bufala che sta circolando in Rete, Pfizer avrebbe scelto di puntare – in piena consapevolezza – su un elemento per noi nocivo. Ma l’eccipiente in questione davvero può nuocere alla salute? “Sia Alc-0315 che l’altro eccipiente Alc-0159 del vaccino Pfizer vengono utilizzati in assoluta sicurezza tant’è vero che è un componente che ritroviamo anche in altri vaccini come quello per il rotavirus e per la malaria”, rassicura il farmacologo facendo riferimento ad un documento del National Center for Biotechnology Information.

I dubbi relativi alla sicurezza di questa sostanza, comunque, risalgono già a luglio dello scorso anno, quando l’Ema aveva fatto una richiesta di chiarimento sulla sua innocuità a Pfizer visto che si tratta di un eccipiente considerato nuovo. “L’agenzia regolatoria europea – racconta l’esperto – ha poi dichiarato lo scorso dicembre di aver ricevuto tutte le informazioni necessarie circa la sicurezza degli eccipienti lipidici del vaccino e in particolare sull’Alc-0315”. 

10 domande (e risposte) sulla vaccinazione

Come nasce la bufala

L’idea che ci fosse un complotto anche sull’uso dell’eccipiente è stata ‘costruita’ partendo da un documento della compagnia biotecnologica Echelon Biosciences Inc. che descrive il prodotto in questione come frutto del lavoro destinato alla ricerca e non sicuro per l’uso umano.

La confusione è più che giustificata: “I materiali e quindi anche l’eccipiente Alc-0315 che Echelon Biosciences Inc. produce e vende sono destinati soltanto ai laboratori”, chiarisce Drago. “Quando vengono venduti come prodotti di laboratorio, le sostanze non hanno una lavorazione e un controllo di qualità così rigorosi come invece è necessario fare quando il prodotto viene venduto per uso umano. Proprio per questo sul sito di Echelon l’eccipiente in questione viene definito come prodotto destinato soltanto alla ricerca e non per uso umano”.

Vaccino ai bambini, così ti smonto 6 fake news

L’Alc-0315 del vaccino non è quello di Echelon

Ma per comprendere la questione manca ancora un pezzo: “È molto probabile che Pfizer non acquisti l’eccipiente Alc-0315 contenuto nel vaccino da Echelon tanto più che essendo destinato ai laboratori lo commercializza non nella sua forma pura, del tutto innocua per l’uomo, ma in soluzione di cloroformio ed etanolo, sostanze effettivamente cancerogene”, chiarisce Drago.

Insomma, l’eccipiente contenuto nel vaccino potrebbe essere acquistato da un altro fornitore tanto più che come si può vedere da questo documento del National Center for Biotechnology Information ci sono 12 produttori della stessa sostanza.

A confermare il fatto che l’eccipiente utilizzato nel vaccino anti-Covid non sia quello prodotto da Echelon è la stessa azienda biotecnologica che in un comunicato dichiara: “…il materiale che Echelon Biosciences sta producendo e vendendo non viene utilizzato nella produzione di vaccini ma soltanto per uso di ricerca nei laboratori. Quando vengono venduti come prodotti di laboratorio, i processi di produzione e i test di sicurezza non devono essere così rigorosi come quando lo stesso prodotto viene somministrato alle persone. Questo è il motivo per cui affermiamo sul nostro sito che il materiale che realizziamo è destinato soltanto alla ricerca e non per uso umano, ma questa non è un’affermazione che Alc-0315 e Alc-0159 non siano sicuri”.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source