152038063 683d6c80 71bd 4d61 9c28 9342964e9993

Aspi, manifestazione di interesse degli spagnoli di Acs

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

152038063 683d6c80 71bd 4d61 9c28 9342964e9993

MILANO – Florentino Pérez ha presentato una manifestazione di interesse formale per rilevare  una “partecipazione rilevante di Aspi” sulla base di una prima valutazione dell’asset compreso tra i 9 e i 10 miliardi. La prima indiscrezione è stata rilanciata dal “Financial Times”, citando ampi stralci della lettera (e ipotizzando un prezzo di 10 miliardi). “Data la stretta relazione tra i nostri gruppi in seguito all’acquisizione congiunta di Abertis, Acs ha seguito la situazione Aspi negli ultimi mesi e riteniamo che sia un asset molto interessante che si adatta perfettamente alla strategia a lungo termine di Acs”, ha scritto Pérez nel lettera, aggiungendo che il gruppo sarebbe disposto ad accogliere altri investitori nella sua offerta, tra cui Cdp.

Secondo quanto riportato poco dopo da Radiocor, invece, Aspi viene valutata tra i 9 e i 10 miliardi di euro. Acs sottolinea nella missiva che “questa transazione possa rappresentare un’opportunità unica per Atlantia e possa essere propedeutica a una futura fusione tra Abertis e Aspi”. La valutazione, continua Pérez, nasce da “informazioni pubbliche” nonché da “alcune valutazioni iniziali di alto livello svolte preliminarmente da Acs”. La cifra finale dipenderà dall’approvazione del Pef (il Piano economico finanziario ancora al vaglio del governo) e dall’ok delle autorità competenti.

L’offerta di Acs per Aspi ha auto un effetto immediato su Atlantia (segui il titolo in Borsa) a Piazza Affari. Il titolo della holding infrastrutturale controllante di Autostrade per l’Italia si è infiammato, fino a guadagnare oltre il 4%. Oggi pomeriggio è in corso un cda di Atlantia, già fissato per analizzare la proposta della cordata Cdp-Backstone-Macquarie.



Go to Source