Auto, il governo giapponese ha tentato (invano) di far sposare Nissan e Honda

La Republica News

MILANO – Tokyo ha fatto un tentativo di accelerazione sulle aggregazioni nel settore automobilistico, per rafforzare l’industria nazionale in uno scenario sempre più difficile e competitivo. Un sintomo della preoccupazione presso i più alti vertici dello Stato per la salute del comparto automotive, un tempo fiore all’occhiello della produzione del Sol levante e ora al centro di dinamiche sempre più complesse a livello globale. Secondo quanto ha ricostruito il Financial Times, già alla fine del 2019 si è alzato il pressing per portare Nissan e Honda a fondersi, ma i due costruttori avrebbero rifiutato qualsiasi ipotesi di trattativa a riguardo. Il piano sarebbe stato definitivamente congelato con l’avvento del Covid e lo sconvolgimento dell’economia mondiale.Come ricorda il quotidiano della City, la necessità di forti investimenti per muoversi nel mondo dell’elettrico e della guida autonoma sta facendo spostare le pedine sulla scacchiera dell’automotive. Il matrimonio tra Psa e Fca, annunciato prima della crisi pandemica, è il primo esempio citato dal quotidiano finanziario insieme all’alleanza su scala planetaria tra Ford e Volkswagen finalizzata al risparmio sui costi.Mercato auto, S&P prevede per l’Europa un calo tra il 20 e il 25%: “Incentivi importanti per la mobilità sostenibile”di RAFFAELE RICCIARDI


Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi