Barca in fiamme: i cinque passeggeri in salvo, fra loro anche un neonato

La Republica News

SAN GIOVANNI A PIRO. Una barca in vetroresina di circa 9 metri con cinque persone a bordo, tra cui un bambino di cinque mesi, è andata a fuoco ieri pomeriggio lungo la costa di Scario, in località Molara, a circa 150 metri dalla costa. Il proprietario, un noto dentista di Casoria e i quattro passeggeri si sono salvati in extremis trovando scampo su un’imbarcazione accorsa in aiuto. E’ accaduto tutto in pochi istanti ieri pomeriggio, qualche minuto prima delle 17, in località Molara, a circa 150 metri dalla costa. Il dentista ha inizialmente provato a spegnere le fiamme con un estintore, ma quando ha visto il fuoco prendere il sopravvento, è stato costretto ad abbandonare la barca. La macchina dei soccorsi è scattata immediatamente. I primi ad arrivare sul posto sono stati i guardiacoste di Camerota a bordo del gommone Cp B91 comandati dal luogotenente Sandro Desiderio, poi sono arrivate le motovedette Cp 556 e Cp 2122, un elicottero dei vigili del fuoco, un gommone della protezione civile del gruppo Lucano di Scario, un battello dell’associazione Cilento Emergenza di Camerota e una barca con motopompa antincendio della società portuale di Camerota. Ma non c’è stato nulla da fare, le fiamme si sono rapidamente propagate all’intera barca. La capitaneria, diretta a livello provinciale dal capitano di vascello Daniele Di Guardo, ha aperto un’inchiesta per accertare le cause dell’incendio. Secondo una prima ricostruzione a provocare l’incendio sarebbe stato un guasto all’impianto elettrico. Ma, naturalmente, è ancora tutto da verificare.

Vincenzo Rubano



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi