Benedetta Porcaroli e Riccardo Scamarcio: “Il cinema ci insegna ad amare”

Pubblicità
Pubblicità

Quando un mattone sfonda la vetrina del Caffè Meletti, che si affaccia da sotto i portici su Piazza del Popolo ad Ascoli Piceno, va in frantumi tutta l’ipocrisia piccolo borghese fatta di cenni col capo, sorrisi ammiccanti, false cortesie, che puntellano moralmente il regime fascista. E resta solo violenza, delazione e squadrismo. Da quella cornice trasparente Luciano il ristoratore, e cioè Riccardo Scamarcio, produttore e protagonista del film L’ombra del giorno di Giuseppe Piccioni, inquadrava lo spettacolo quotidiano dell’Italia, che da operetta confortata dagli spettacoli ginnici delle Giovani italiane scivola ogni giorno, a suon di brutalità, libertà negate e cultura del sospetto, verso l’orrore delle leggi raziali, fino al disastro della guerra.

Questo contenuto è
riservato agli abbonati

1€ al meseper 3 mesi

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito

3,99€ a settimana,prezzo bloccato

Attiva Ora

Tutti i contenuti del sito, il quotidiano e gli allegati in digitale

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source