Biden subito al lavoro firmati 17 provvedimenti. Il primo introduce lobbligo di portare la mascherina

Biden subito al lavoro: firmati 17 provvedimenti. Il primo introduce l’obbligo di portare la mascherina

La Republica News
Pubblicità
Pubblicità

012929544 0b2332ac 9541 463b a0d7 ccd0f1dccb19

Washington – 17 decreti in un paio d’ore. Il primo pomeriggio di Joe Biden dietro la scrivania presidenziale è stato produttivo. Il nuovo presidente ha voluto mantenere la promessa di un attivismo legislativo vigoroso, di un’Amministrazione che “tocca il suolo per la prima volta e già corre”. In quei 17 decreti ci sono due fili conduttori: da una parte l’urgenza di cancellare alcune delle misure più odiate del presidente appena uscito; dall’altra segnalare al paese le grandi priorità del nuovo governo federale. Il primo ordine esecutivo o decreto presidenziale firmato da Biden è l’obbligo di portare la maschera nelle aree di giurisdizione federale: dai palazzi governativi ai mezzi di trasporto che collegano i diversi Stati Usa.

Poi ci sono due gesti internazionali, anche questi ampiamente preannunciati: il ritorno degli Stati Uniti negli accordi di Parigi sulla lotta al cambiamento climatico, e nell’Organizzazione mondiale della sanità. Un terzo decreto, d’impronta ambientalista, crea però il primo incidente diplomatico: la decisione di bloccare la costruzione dell’oleodotto Keystone Xl che deve collegare il Canada al Golfo del Messico, per quanto scontata provoca una dura reazione da parte del premier canadese Trudeau. Altri due decreti vertono sull’immigrazione, terreno su cui la distanza valoriale fra Trump e Biden è nota: vengono cancellate le restrizioni all’ingresso che prendevano di mira in modo prevalente cittadini da nazioni islamiche (Muslim Ban); si rafforza invece la difesa contro le espulsioni di quegli immigrati clandestini che arrivarono negli Stati Uniti da bambini, i cosiddetti Dreamers (“sognatori”) che già Barack Obama aveva deciso di proteggere.

Ci sono due provvedimenti che invece riguardano emergenze sociali legate alla crisi economica da lockdown: si proroga la moratoria sia sugli sfratti, sia sui pagamenti d’interessi per i prestiti agli studenti. L’attivismo dei decreti continuerà nei prossimi giorni. Anche perché Trump usò esattamente lo stesso metodo, e quindi per “disfare” la sua eredità c’è parecchio lavoro da fare.



Go to Source