Bimbo travolto e ucciso dal carro di Carnevale: la mamma e l’ingegnere del collaudo rinviati a giudizio

Pubblicità
Pubblicità

BOLOGNA – Due persone rinviate a giudizio e un’altra che invece ha scelto di essere processata con la formula del rito abbreviato (che prevede lo sconto di un terzo della eventuale pena). E’ questo l’esito dell’udienza preliminare, davanti al Gup del Tribunale di Bologna, Claudio Paris, per la morte di Gianlorenzo Manchisi, il bambino di due anni e mezzo caduto e travolto da un carro di Carnevale durante una sfilata il 5 marzo 2019 a Bologna, in via Indipendenza: il bimbo morì il giorno dopo in ospedale.

Tragedia di Carnevale a Bologna, i genitori: “Vogliamo giustizia per Gianlorenzo”

Il rinvio a giudizio, come chiesto dalla Procura, riguarda la mamma del bambino, che era salita sul carro con lui e l’ingegnere che aveva rilasciato il certificato di collaudo. In questo caso il processo comincerà il 5 maggio. Mentre sarà processato in abbreviato il proprietario e allestitore del carro: in questo caso l’udienza è fissata al 29 aprile.

Bologna, morte del piccolo Gianlorenzo: scontro tra famiglia e Procura

Tutti e tre gli imputati (assistiti dagli avvocati Mauro Nicastro, Stefano Sermenghi e Massimo Leone) sono accusati di omicidio colposo. Sulla vicenda c’è ancora pendente un altro fascicolo nato da un esposto della famiglia del bambino, in cui si chiedeva di indagare le responsabilità del Comitato delle manifestazioni petroniane, che organizzò l’evento, e di approfondire quelle eventuali del Comune. Per due volte i pm hanno chiesto di archiviare il fascicolo e per due volte i familiari si sono opposti. Se ne discuterà nuovamente il 22 febbraio.

Tragedia di Carnevale, indagata anche la mamma del piccolo Gianlorenzo

Nell’udienza odierna si sono costituiti parte civile il padre di Gianlorenzo Manchisi, assistito dall’avvocato Annalisa Gaudiello, e il fratello del bambino, rappresentato dall’avvocato Marco Bettoni.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source