Bonus Natale a chi daremo 500 euro. Conte vertice durgenza a mezzanotte. Retroscena clamorosa rivolta contro il premier

“Bonus Natale, a chi daremo 500 euro”. Conte, vertice d’urgenza a mezzanotte. Retroscena: clamorosa rivolta contro il premier

Libero Quotidiano News
Pubblicità

Sullo stesso argomento:

22 novembre 2020

Un Giuseppe Conte versione Babbo Natale: il premier starebbe pensando a un bonus da 500 euro per il 25 dicembre, riservato a chi ha subito almeno 8 settimane di cassa integrazione a causa delle limitazioni dei vari Dpcm anti-Covid. Secondo la Stampa, l’iniziativa di Palazzo Chigi non troverebbe però la sponda dentro la maggioranza, preoccupatissima per la tenuta dei conti pubblici. Venerdì, poco prima della mezzanotte e dopo 7 ore di riunione in video-conferenza, il Tesoro chiede un nuovo collegamento d’urgenza, spiega il retroscena del quotidiano torinese.

Si deve discutere del Decreto Ristori Quater, un pacchetto da 8 miliardi di euro (con in ballo il rinvio delle scadenze fiscali di fine anno) con sullo sfondo la possibile sponda di Forza Italia. Ed è qui che Conte se ne esce con la sua idea. I tre vice del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, Antonio Misiani del Pd, Laura Castelli del M5s e Maria Cecilia Guerra di LeU, sono scettici, così come Luigi Marattin di Italia Viva. “Il progetto di Conte è costoso (1, 7 miliardi) e ad erogare il bonus dovrebbe essere proprio chi (l’Inps) è accusato dei ritardi”, sottolinea la Stampa. Marattin è durissimo: “Che vado a raccontare ai ristoratori con l’acqua alla gola? Vogliono riformare la cassa integrazione e renderla più efficiente? Prontissimo. Non mi chiedano di alimentare le divisioni nel Paese”. Già lo scorso gennaio, prima dello tsunami coronavirus, Conte aveva abbozzato l’idea del bonus Befana, abortito a causa dei ritardi e rimanegiamenti sulla incentivazione dei pagamenti elettronici. E il bonus Natale rischia di fare la stessa fine. 

Please enable JavaScript to view the comments powered by Disqus.



Go to Source