Briatore si lamenta delle code in autostrada in Liguria, il manager Aspi: “Venga a vedere i cantieri, le paghiamo la benzina”

Pubblicità
Pubblicità

Briatore si lamenta delle code in autostrada e l’ad di Aspi, Roberto Tomasi, replica ironico invitandolo a vedere quali siano i lavori da effettuare. “Gentile Briatore, mi creda, non è facile fare una valutazione sull’andamento dei lavori autostradali stando seduti in automobile, senza sapere cosa realmente accade nei nostri cantieri”.

Così, l’amministratore delegato di Autostrade per l’italia, Roberto Tomasi, risponde a Flavio Briatore, dopo che ieri l’imprenditore si era scagliato contro la concessionaria con un video su Instagram in cui denunciava i pesanti disagi sull’infrastruttura ligure, mentre era bloccato da una quarantina di minuti sulla a10 vicino a Savona. “La attendiamo per visitarli insieme- prosegue Tomasi- siamo aperti 24 ore su 24, sette giorni su sette, scelga lei ora e giorno. Per lei abbiamo già predisposto caschetto, giubbotto e scarpe antinfortunistiche. La benzina, se vuole, gliela paghiamo noi. Saremo lì ad accoglierla”.

Il caso

Liguria e autostrade paralizzate dai cantieri: sino a 73 minuti tra Savona e Arenzano sulla A10, Briatore in coda: “Vergogna, Tomasi venga a fare un giro”

La replica di Tomasi, fra ironia e stizza, non tiene comunque conto del fatto che i lavori che si stanno accavallando negli ultimi mesi sono frutto dell’assenza di interventi che si è protratta per anni e che è emersa solo a seguito del crollo di ponte Morandi nell’agosto del 2018 e delle successive indagini sullo stato delle infrastrutture. Tomasi ha preso le distanze da quelle scelte ma è la sua azienda ad essere stata negligente.

Le indagini in cui sono indagati numerosi tecnici e dirigenti di Aspi, Spea e del ministero riguardano sia le condizioni dei viadotti che quelle delle gallerie, molte in condizioni precarie e comunque non a norma a causa di una manuntenzione rarefatta nonostante negli anni Autostrade avesse incassato miliardi di euro dai pedaggi.

Longform

Autostrade: l’82% dei supertunnel non a norma con la Ue e intanto il gruppo Gavio fa causa allo Stato per 680 milioni

In passato Autostrade aveva anche risposto alle lamentele di altri vip, come ad esempio l’allenatore della anzionale Roberto Mancini anche lui intrappolato nelel code dopo la vittoria all’europeo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source