Cacciatore ferma l’auto vicino all’ospedale e spara ai cinghiali: denuncia in arrivo

Pubblicità
Pubblicità

Nel video di 14 secondi si vede un uomo che scende dalla sua Fiat Panda verde in mezzo alla provinciale, imbraccia il fucile e spara, mentre un’altra auto è in arrivo. Poco prima il cellulare di chi riprende ha inquadrato anche il suo obiettivo, una famiglia di cinghiali che si trova a bordo strada. È stato girato lunedì ad Alessandria, sulla provinciale, proprio dietro all’ospedale Borsalino. L’uomo con il fucile, una volta verificata l’autenticità del video, è stato identificato dalla questura alessandrina: è un cacciatore che stava tornando da una battuta. La sezione locale di Federcaccia lo ha  già espulso. Ora rischia, oltre alla denuncia, il ritiro del porto d’armi. “La commissione dei probiviri si è riunita stamattina – spiega il  presidente di Federcaccia Alessandria, Francesco Carosio – La sua assicurazione sarà sospesa a partire da domani. Un comportamento simile non è ammissibile. È vero che i cinghiali sono un problema e bisogna ridurne il numero ma non è questo il modo”. Domani il cacciatore sarà ascoltato anche dalla commissione di Federcaccia così che possa spiegare le sue ragioni. La famigliola di ungulati nel mirino, secondo gli accertamenti della polizia, sarebbe peraltro uscita indenne dalla brutta avventura: un particolare, quello della mediocre mira del cacciatore, che fa riflettere ancora di più sulla pericolosità del suo gesto  

di CARLOTTA ROCCI

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source