Calcio: assessori Comune Palermo, ‘su caso stadio tempesta in bicchiere d’acqua’

Libero Quotidiano News

Condividi:

17 giugno 2020

Palermo, 17 giu. (Adnkronos) – “Crediamo che sulla vicenda della concessione dello Stadio Barbera per la società rosanero sia in corso la classica tempesta nel bicchiere d’acqua. In atto non vi è alcuna concessione a titolo gratuito né alcuna omissione di pagamenti da parte di alcuno né altro motivo di polemica”. A intervenire sulle ultime vicende dello stadio Barbera di Palermo sono gli assessori al Bilancio, Roberto D’Agostino, e allo Sport, Paolo Petralia Camassa, precisando che l’impianto è stato affidato “con un consenso unanime istituzionale e politico, alla fine della scorsa estate per permettere alla squadra di calcio l’iscrizione al campionato di serie D”. “Ciò è avvenuto nelle more della definizione della convenzione, che dovrà essere votata dal Consiglio comunale – precisano i due assessori – e dovrà stabilire, fra le altre cose, anche i canoni concessori. La concessione non potrà ovviamente non tenere conto del fatto che la società usufruisce dello stadio e, allo stesso tempo, ne cura la manutenzione e la sicurezza, già dal 2019. Sarà il Consiglio comunale, certamente anche sulla scorta di valutazioni tecnico-economiche che gli uffici hanno redatto, a valutare quali saranno i canoni da applicare”. Sul caso interviene anche il sindaco Leoluca Orlando. “Ovviamente come tutti, da amministratori e da tifosi – dice -, contiamo sul fatto che la situazione si chiarisca al più presto anche perché di fondamentale importanza per il prosieguo della risalita del calcio palermitano verso le serie superiori. L’Amministrazione e il Consiglio comunale credo abbiano l’unico obiettivo di garantire l’utilizzo dello stadio – conclude il primo cittadino – nel modo più corretto, come parte del più ampio impegno per il calcio e lo sport d’eccellenza nella nostra città”.



Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi