Caldo infernale: un “codice calore” al Pronto soccorso e tornano le unità mobili Covid

Pubblicità
Pubblicità

Codice calore nei Pronto Soccorso, attivazione degli ambulatori territoriali 7 giorni su 7-h12 per accessi relativi agli effetti del caldo, potenziamento del servizio di guardia medica, riattivazione delle Uscar (Unità Speciali di Continuità Assistenziale Regionali) per favorire l’assistenza domiciliare ed evitare l’accesso inappropriato ai Pronto Soccorso. Sono le raccomandazioni del ministero della Salute contenute nella circolare diramata oggi alle Regioni per fronteggiare l’emergenza caldo e prevenire gli effetti delle ondate di calore che si stanno susseguendo in queste settimane.

Incubo caldo, le 10 regole per non soccombere all’afa

Nello specifico, spiega il ministero in una nota, per fronteggiare al meglio gli effetti del caldo sulla salute si invitano le Regioni a valutare la predisposizione di azioni organizzative per rafforzare la risposta ordinaria alle richieste di assistenza sanitaria, in particolare per i soggetti vulnerabili. Tra queste, è fortemente raccomandata l’attivazione del ‘codice calore’, ovvero un percorso assistenziale preferenziale e differenziato nei Pronto Soccorso.

Caldo: cocomero, gelati e bagni. Il decalogo per l’estate dei bambini

La circolare indica anche di dare massima diffusione alla campagna di comunicazione predisposta dal ministero della Salute ‘Proteggiamoci dal caldo’ per una capillare informazione ai cittadini sui comportamenti da adottare per affrontare e difendersi dall’ondata di calore. Si ricorda che ogni giorno sul portale del ministero della Salute sono pubblicati i bollettini caldo attivati dal 15 maggio e che proseguiranno fino al 15 settembre.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *