Camera, Transatlantico e buvette riaprono l’8 novembre dopo più di un anno. Fico: “Un bel passo in avanti verso la normalità”

Pubblicità
Pubblicità

Dopo oltre un anno, il Transatlantico di Montecitorio riapre a deputati e giornalisti parlamentari dal prossimo 8 novembre, quando riaprirà i battenti anche la buvette, lo storico bar dei deputati chiuso da marzo 2020. Così è stato deciso nella conferenza dei capigruppo di Montecitorio, sulla base di una indicazione del Collegio dei questori. ”Sono molto soddisfatto, è un bel passo in avanti per il ritorno alla normalità”, ha detto il presidente della Camera Roberto Fico.

Le tribune dell’Aula normalmente destinate a stampa e pubblico continueranno a restare riservate ai deputati, che non voteranno più dalle postazioni allestite da oltre un anno nel ‘Corridoio dei Passi perduti’ per garantire il distanziamento. Resta alla Camera l’obbligo di mascherina.

Il sipario era sceso a maggio 2020, quando l’esponenziale aumento dei contagi della pandemia del coronavirus aveva portato alla chiusura del Transatlantico, il salone liberty della Camera dei deputati progettato dall’architetto Ernesto Basile. Ora, dopo oltre un anno dell’unica chiusura nella storia di Montecitorio, il suo luogo simbolo si appresta a tornare la zona prescelta da politici e giornalisti dove scambiare chiacchere informali o per carpire informazioni riservate.

Camera, il questore Fontana: “A breve la riapertura del Transatlantico”

L’8 ottobre scorso Gregorio Fontana, deputato questore forzista alla Camera, aveva annunciato l’imminente riapertura del ‘salotto della politica’. Ora in capigruppo è stato riferito anche che dall’8 novembre, in seguito all’entrata in vigore del Green Pass obbligatorio per entrare nei palazzi della Camera, ci sono novità anche per le commissioni: torneranno a riunirsi nelle loro aule, salvo le sedute delle commissioni riunite che, per garantire il distanziamento, devono svolgersi nelle più ampie sale della Regina, della Lupa, nell’Auletta dei Gruppi o al Mappamondo.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source