Campari cresce ancora negli Usa con il bourbon Wilderness Trail Distillery

Pubblicità
Pubblicità

MILANO – Nuova acquisizione, la seconda per impegno economico, per Campari. Il gruppo ha comprato una partecipazione iniziale del 70% in Wilderness Trail Distillery, marchio americano “super-premium” di bourbon e rye whiskey in forte crescita. La categoria del bourbon diventerà  il secondo asse di sviluppo di Campari dopo gli aperitivi, ha spiegato la società, che nel 2031 completerà l’acquisizione della restante quota del 30%. Il corrispettivo pagato ora è pari a 420 milioni di dollari, sulla base di una valorizzazione della società pari a 600 milioni (in assenza di cassa o di debito finanziario). La scelta è stata apprezzata in Borsa.

“La gamma super-premium di bourbon e rye whiskey Wilderness Trail – si legge nella nota del gruppo – andrà a rafforzare ulteriormente il portafoglio di Campari, facendo leva su una delle categorie in maggiore crescita nel mercato chiave degli Stati Uniti“. Wilderness Trail Distillery, situata a Danville, Kentucky, è stata fondata nel 2012 come distilleria artigianale premium con l’obiettivo di produrre bourbon e rye whiskey di altissima qualità. Nel 2018 i fondatori hanno lanciato due marchi proprietari premium: Wilderness Trail Bourbon e Wilderness Trail Rye Whiskey. La gamma di prodotti è stata elevata ulteriormente con l’introduzione di una linea d’alta gamma di bourbon silver label. Il prezzo medio di vendita va da 55 dollari per Wilderness Trail Bourbon, per la bottiglia da 75 cl a 75 dollari e oltre per i bourbon invecchiati sei e otto anni.

Nel 2022 la società Usa conta di raggiungere un fatturato di 57 milioni di dollari, in crescita del 39% rispetto all’anno prima. Il corrispettivo pagato equivale ad un multiplo di circa 16 volte l’Ebitda che verrà raggiunto a fine anno, mentre per la Campari farà salire il multiplo del debito finanziario netto rispetto all’Ebitda dall’attuale 1,5 a 2,3 volte. Il prezzo sarà finanziato in parte con la cassa e in parte con il ricorso al debito bancario.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source