Campidoglio, Raggi senza maggioranza: la sindaca nelle mani del rivale De Vito e di 4 dissidenti

Pubblicità
Pubblicità

A guidare il Movimento romano dovrebbero essere 5 stelle, ma in realtà, a tenerlo sotto scacco sono 5 spine. Dopo l’addio della consigliera Gemma Guerrini, in Assemblea capitolina il gruppo non ha più la maggioranza: i grillini sulla carta sono rimasti in 24 contro altrettanti consiglieri di opposizione. Basterebbe questo a metterli in difficoltà, ma non è tutto: all’interno del Movimento ci sono 5 eletti che remano contro la sindaca Virginia Raggi e che fanno tremare quel che resta della maggioranza.

Campidoglio, Gemma Guerrini lascia il Movimento 5 stelle. Il Pd: “Raggi senza maggioranza”

Il primo è Marcello De Vito, presidente dell’Assemblea capitolina: candidato sindaco già nel 2013 contro Ignazio Marino e poi nel 2016 rivale di Raggi alle comunarie, è stato il consigliere più votato all’ultima tornata elettorale ma anche il più discusso. Cinque anni fa è stato sospeso dal Movimento perché coinvolto nell’inchiesta sullo stadio della Roma e i colleghi si comportarono come se la sua colpevolezza fosse già stata accertata. A partire da Luigi Di Maio, all’epoca capo del Movimento, passando per la sindaca Raggi.

Stadio della Roma, al processo De Vito il Comune sarà parte civile

Un trattamento che De Vito non ha mai dimenticato: dopo la scarcerazione è tornato a sedere sullo scranno più alto del Campidoglio e anche se l’espulsione dal Movimento rimane, il presidente dell’assemblea fa ancora parte del gruppo. Ma i grillini non possono contare su di lui, anzi: De Vito non sta partecipando alle votazioni per tenersi equidistante e non teme di portare in Aula atti che vanno in direzione contraria alla linea della sindaca. Dalla Ztl alle licenze degli ambulanti: è di poche settimane fa la mozione a prima firma De Vito che chiede di fatto la sospensione della messa a bando delle concessioni per camion bar e bancarelle voluta da Raggi. La mozione è stata approvata con il voto favorevole delle opposizioni mentre i pochi 5s rimasti in Aula occupavano il suo scranno gridandogli “fai schifo”.

Corsa al Campidoglio, big bang nel M5S: cinque pesi massimi sfiduciano la sindaca

Le altre 4 spine nel fianco della sindaca pungono compatte da quando Raggi si è ricandidata ad agosto: si tratta di Enrico Stefàno, Donatella Iorio, Marco Terranova e Angelo Sturni che insieme hanno fondato “Il piano di Roma”, un progetto politico che viaggia in parallelo a quello della sindaca perché punta a parlare e confrontarsi con le forze di centrosinistra romane. Il primo è presidente della commissione Trasporti e in epoca Marino sedeva nei banchi dell’opposizione proprio insieme a Raggi e a De Vito. Ma le loro strade si sono divise e Stefàno ha da subito criticato il modo “personalistico” in cui la sindaca ha deciso per il bis ovvero senza un confronto con la base sul programma, sui risultati e sugli insuccessi della consiliatura. Dei 4 dissidenti, Stefàno può vantare gli scontri più accesi con la sindaca: l’ultimo aveva al centro il progetto di riqualificazione di via La Spezia e via Taranto. Anni di lavoro della commissione Mobilità e degli uffici che Raggi ha messo totalmente in discussione.

Campidoglio, Raggi a fine corsa: senza maggioranza e travolta dagli scandali (VIDEO)

Marco Terranova e Donatella Iorio erano rispettivamente presidenti della commissione Bilancio e Urbanistica: dopo l’estate hanno abbandonato il prestigioso ruolo per “motivi personali”. Almeno questa è la versione ufficiale. Non risparmiano critiche all’amministrazione Raggi proprio come Angelo Sturni, presidente della commissione Statuto e recentemente ha partecipato a un incontro sulla governance della Capitale confrontandosi con esponenti del Pd. Più volte i fondatori del “Piano di Roma” hanno chiesto alla coalizione di centrosinistra (in tutto e per tutto avversa all’amministrazione Raggi), di aprire le porte al dialogo. Uno degli ultimi atti dei 4 dissidenti è la richiesta di un consiglio straordinario su Roma Metropolitane voluto insieme alle opposizioni. Prima però bisogna approvare le delibere sui bilanci Ama, sul piano di risanamento e su quello industriale. Un banco di prova importante per la maggioranza (o quel che ne rimane), dove le decisioni delle 5 spine saranno determinanti.

Pubblicità

Pubblicità

Go to Source