Casa Lateral Morandi: “Non sono un bravo ragazzo e adoro le serie tv sui cattivissimi”  

La Republica News

Sulla strada del mare dopo la fine del lockdown Gianni Morandi confessa i “vizi” della quarantena a Luca Bottura, a Casa Lateral, la rassegna quotidiana domestica in diretta tutti i giorni alle 9 su Fb e sul sito di Repubblica. “Sono fortunato – ammette – abito in campagna, potevo uscire e fare una corsa. Ho un ottimo rapporto con mia moglie Anna con la quale leggevamo e cucinavamo”. Ma il vero passatempo dei giorni di clausura sono state le serie tv. Morandi ne ha fatta una scorpacciata: “Avevo giurato che non avrei mai visto il ‘Trono di Spade’. Eppure dopo la prima punatata con Anna siamo riusciti a fermarci. Ce ne siamo visti 78 puntate da un’ora e quando è finito ci mancava, i personaggi sono incredibili…”. 

I due hanno recuperato anche su altre serie storiche, come ‘Breaking bed’, fino alla storia del miliardario condannato per molestie Epstein. “Adoro i personaggi dei cattivi, e mi piacerebbe anche interpretarli – assicura Morandi -. Ma non potrei farlo, in Italia non sarei credibile, io resto sempre il “bravo ragazzo” che non sono”. Poi scherza: “In fondo anche i miei ‘musicarelli’ erano una serie in 5 puntate!”.

Morandi il 9 gennaio sarà l’ospite principale della serata “Con il cuore” su Rai Uno, condotta da Carlo Conti e in diretta da Assisi, per raccogliere fondi per l’emergenza Coronavirus. Il 15 giugno invece, la prima serata a platee aperte (anche se con numeri calmierati), l’artista riaprirà al pubblico il Teatro Duse di Bologna, un simbolo della sua città.

Go to Source

Commenti l'articolo

Rispondi